Algarve. On the road lungo la costa in bassa stagione

dsc_0124

L’Algarve è di certo la regione lusitana più conosciuta del Portogallo, in quanto per prima è stata toccata dal turismo anglosassone, particolarmente attratto dalla grande offerta di campi da golf e onde da surfare.

Tuttavia nonostante la destinazione è molto conosciuta, può conquistare anche chi ama andare ancora alla ricerca di luoghi da scoprire, ritmi lenti e posti autentici. Per trovare tutto questo, il primo consiglio è andare in bassa stagione.

Il periodo da ottobre a maggio è quello ideale per vivere appieno questi posti, dove splendono 3000 ore di sole l’anno, senza sentirsi intrappolati nelle strette strade che tra curve e saliscendi si avvicinano al mare. Perché qui noleggiare l’automobile, meglio se di piccole dimensioni, è pressoché un obbligo per godersi questi posti con il proprio tempo.

L’Algarve è una regione sostanzialmente con due paesaggi dove Faro, sembra quasi fare da spartiacque. Da qui verso ovest puntando a Sagres le falesie con le loro scogliere dalle mille sfumature d’oro creano insenature artistiche tra terra e mare con un paesaggio che si infiamma con i colori del tramonto, facendo anche dimenticare un po’ dell’eccesso edilizio al quale è impossibile sottrarre la vista in questo tratto di strada. Da Faro verso est, lo sguardo si ritrova in quel Portogallo più autentico, fatto di abitazioni basse, di incontri che destano ancora curiosità tra locali e viaggiatori.

Per fare un pieno di iodio, di vento e di luce, mettete in programma quattro giorni in Algarve e tra hotspot super instagrammabili e angolini remoti, da ovest ad est ecco cosa vedere tra storia, natura e coccole di stile.

dsc_0130

Sagres – il paradiso dei surfisti dove le correnti del mare si incontrano, dove è bene arrivare organizzati per improvvisare un picnic per scegliere il punto migliore dove contemplare l’oceano e il vento. Lasciatevi guidare dai camperisti che in fatto di punti strategici se ne intendono. Fermatevi e siate pronti ad ascoltare le loro storie tra il Faro di Cabo Sao Vincente e la fortezza di Sagres

Lungo la strada diverse cose richiederanno una sosta che sia per interesse, per curiosità, o semplicemente per collezionare un insieme di fotografie tematiche. Da Sagres a Vila Real de Santo Antonio, tenetevi pronti ad immortalare le cicogne e i loro nidi costruiti nei posti più improbabili e ai limiti delle leggi della fisica; le tante olaries ossia botteghe di terracotta e ceramica che con le loro esposizioni di piatti esterni appese saranno la seconda tentazione di instagrammabilità ed in ultimo, ma non per ordine di importanza, i comignoli così riccamente intagliati da sembrare preziosi merletti.

Se si potesse avere il dono dell’ubiquità bisognerebbe farsi trovare di buon mattino in posti come Ponta da Piedade, Praia de Benagil, Praia de Salema o Praia da Marina  per fare un bagno prima di luce tra le altissime e delicatissime falesie, poi respirare il vento e il profumo dell’Oceano prima di tuffarsi dentro. Per chi non resiste all’instagrammabilità, a Praia Marina dall’alto cercando il punto perfetto sfruttando i due archi naturali nella roccia, si potrà immortalare il mare all’interno di un cuore.

dsc_0179

dsc_0166 dsc_0162 dsc_0107 dsc_0101 dsc_0100 dsc_0078 dsc_0070

dsc_0004

Armacao de Pera – Da questo villaggio di pescatori ogni giorno gli uomini del borgo portano la loro barca in mare aiutati da un trattore. La singolare scena nasce dalla necessità di superare il dislivello tra queste casette di appoggio e l’acqua, che è molto marcato.
Un lavoro di per sé faticoso che inizia in salita e che continua nell’incertezza dell’Oceano, dove il vento, il mare e il sole consumano e segnano la pelle sui volti e sulle mani di questi uomini.
Quello però che la durezza delle condizioni di lavoro non scalfisce, è la gentilezza del loro cuore. Basta uno sguardo a terra, ai piedi di queste casette. Le conchiglie diventano elementi decorativi che abbelliscono il giardino di sabbia con una varietà personale di piante grasse.
Così tra le reti, l’odore pungente di pesce e uno scorcio di mondo, non pensato per compiacere l’occhio fotografico, si puó scovare ugualmente tanta bellezza.

Faro – Anima fatti color arancia, anima fatti color d’amore, un pensiero di Federico Garcia Lorca che esprime in sintesi l’effetto che fa questa città.
Faro appare come una casa con i muri aperti. La pavimentazione pedonale curata, con le tipiche calçade portoghesi, dove il disegno grafico cambia ad ogni strada, le tende le proteggere dal sole, piccoli salottini sparsi, alberi carichi di arance proprio come in un giardino. Nella bellezza degli alberi d’arancio, si possono gustare la bontà dei loro frutti all’ombra dei bianchi e abbaglianti storici palazzi di Faro e la grande cattedrale cittadina. Perdendosi tra le stradine non mancherà anche qui di imbattersi in istallazione di arte contemporanea che spunta all’improvviso disegnando un deciso wow factor.

dsc_0353

Tavira – Pittoresca cittadina ad est di Faro sul fiume Gilão racchiude il fascino delle cittadine medievali. Dal ponticello pedonale che attraversa il fiume la vista è suggestiva, resa ancora piú speciale dalle case bianche e dai caffè con affacci con vista.
Il centro storico riporta alle atmosfere autentiche portoghesi. Perdersi tra i vicoli a caccia di piastrelline bianche e blu e porticine decorate è un must. Così come sorseggiare una birra sul lungofiume.

View this post on Instagram

È inutile sbarrare le porte alle idee: le scavalcano. – Klemens von Metternich – La mente sempre in pieno fermento, sempre alle prese con nuove idee, nuove sinergie, nuovi modi di osservare e riflettere sul raggiungimento dei propri sogni. Così una delle più antiche porte di Tavira con le sue influenze moresche, sembra quasi un voler ricordare che forse, spesso, la bellezza è nella semplicità, nella linearità progettuale. Niente porte chiuse alla creatività, anzi bussiamo, apriamole e condividiamo le energie e i saperi. Prestissimo condividero' con voi, un'idea molto #soulsharing che è diventata tangibile grazie al lavoro di squadra con l'instancabile amica @clindina Curiosi di scoprirne di piú? . . . . . . . . . . . #travelswap #streetleaks #ourstreets #acolorstory #bestplacetogo  #travelphotographer #welltravelled #moodygrams #lifeofadventure #mytinyatlas #popsofcolor #citybreak #landscape_captures #streetphotography #beautifuldestinations #naturelovers #algarve #portugal #portugal_lovers #portugal_places #doorsofinstagram #featuremealgarve #doorsondoors #igersportugal #portugal_em_fotos #algarvelovers #amar_portugal #super_portugal

A post shared by Barbara Perrone (@tangibiliemozioni) on

dsc_0274

dsc_0275

Olhão – In questa cittadina di pescatori ci si imbatte per casi fortuiti, tra deviazioni stradali e la continua voglia di non seguire la via maestra, ma di raggiungere la meta lasciandosi ispirare dalla strada.
Succede così che nella periferia della città lagunare di Olaho, i murales irrompano alla vista con i loro colori accesi. Così torri dell’acqua diventano tele per esprimere l’arte e il cielo azzuro e gli alberi carichi di foglie da far pensare di essere in primavera, fanno da cornice a questa meraviglia inaspettata scoperta

dsc_0321 dsc_0322 dsc_0325

Castro Marim – Dal piccolo paesino di Castro Marina, poggiato sulle dolci colline si guarda questo ultimo tratto di Portogallo.
A 10 km ad est il confine con Spagna, a nord le saline e verso Ovest il castello con le sue mura che proteggono quella che era la città con il suo insediamento urbano. È affascinante passeggiare all’interno, tra le stradine di terra, salire sulle mura difensive, osservare il paesaggio a 360° mentre il vento scompiglia i capelli.
E poi giú, ai piedi del castello questo borgo che con le sue mura, case e strade bianche sembra un villaggio di soffice zucchero a velo, che ti ammalia e ti conquista definitivamente

dsc_0262

Vila Real de Santo Antonio – Affacciato sul Gardiana, questo è l’ultimo municipio portoghese. Al di là del ponte che attraversa il fiume sul quale si affaccia, c’è la prima cittadina spagnola. Una città di frontiera, ma che tiene stretta a sé il sentire e l’essere portoghese, dai caffè alle piccole trattorie che sono un perenne invito alla sosta. Il mercatino di terrecotte e ceramiche nella piazza principale, sarà una vera tentazione per acquistare questi manufatti rivisitati con grafiche e colori più contemporanei.

dsc_0235

DOVE DORMIRE

dsc_0049

Vale D’Olivares – Immersa in una valle ricca di uliveti, questa meravigliosa quinta e resort immerge il viaggiatore in una sensazione di seconda casa, all’interno di un piccolo borgo di un Portogallo tra tradizione e modernità. Si può scegliere tra la soluzione hotel o apartahotel, organizzando giornate in pieno relax tra le piscine interne ed esterne, l’area spa oppure per vacanze più sportive tra campi da tennis e golf. Tra i dettagli di stile le curatissime aree verdi tra le corti, i comignoli dalle forme differenti ma soprattutto un ristorante interno in pieno stile gourmet che da solo vale il viaggio sia per la ricercatezza dei gusti che per la presentazione dei piatti.

View this post on Instagram

Oggetti singolari che rimangono nel cuore dopo un viaggio in Algarve. Come opere che punteggiano il cielo, di forme e decorazioni sempre differenti, accendono la curiosità e lo stupore. Sapete cosa sono? Ebbene, altro non sono che comignoli. Forme d'arte per uso domestico e quotidiano che abbelliscono il paesaggio. Nella meravigliosa quinta e resort @valedoliveiras ogni appartamento ne ha uno, e allora è impossibile non perdersi con la testa all'insù andando a caccia delle centinaia di forme! Sorprendentemente Algarve. . . . . . . . . . . . . . #travelswap #streetleaks #ourstreets #acolorstory #bestplacetogo  #travelphotographer #welltravelled #moodygrams #lifeofadventure #mytinyatlas #popsofcolor #citybreak #landscape_captures #roomwithaview #naturelovers #algarve #portugal #portugal_lovers #portugal_places #atlanticocean #featuremealgarve #luxuryhotel #valedoliveiras #portugal_em_fotos #algarvelovers #amar_portugal #super_portugal #designhotel #archilover #rotaportugal

A post shared by Barbara Perrone (@tangibiliemozioni) on

Praia Verde Boutique Hotel – La bellezza dei design hotel è la capacità di stupire e catturare l’attenzione del viaggiatore attraverso l’architettura che valorizza il territorio.
Qui nonostante la vicinanza con la Spagna, l’atmosfera e la magia del Portogallo rimangono sempre indiscusse. Un design hotel con una forte attenzione alla ricerca, alla capacità di narrare un luogo anche attraverso il non detto. Dettagli di stile che scatenano il fattore sorpresa dal momento dell’arrivo fino al saluto. Luoghi dove essere ospiti diventa un’esperienza nell’arte del ricevere, del saper stupire, del saper valorizzare il contesto in armonia con l’ambiente circostante.

Elementi in sughero come i piccoli vassoi a colazione o i supporti in bagno, che raccontano un materiale tipico del Portogallo e piantine aromatiche che rimandano al profumo del bosco che è all’esterno a due passi dall’oceano, nutrono la mente e aprono alla conoscenza insegnando a conoscere un luogo oltre i luoghi comuni.

dsc_0212 dsc_0225

View this post on Instagram

Di ricordi a colazione. Molto spesso mi trovo a pensare a quanto adoro girare il mondo, lasciandomi guidare nella traccia dell'itinerario dalla particolarità degli hotel o strutture ricettive che riesco a scovare in rete. Quello che amo di questi luoghi è l'attenzione alla ricerca, alla capacità di narrare un luogo anche attraverso il non detto. Dettagli di stile che scatenano il #wowfactor dal momento dell'arrivo fino al saluto. Luoghi dove essere ospiti diventa un'esperienza nell'arte del ricevere, del saper stupire, del saper valorizzare il contesto in armonia con l'ambiente circostante. E così anche una foto a colazione diventa una sintesi di questa passione per i #designhotel e dei dettagli che mi conquistano. Un cappuccino in una tazza stropicciata che si rivela super ergonomica, vassoietti in sughero che raccontano un materiale tipico del Portogallo e piantine aromatiche che rimandano al profumo del bosco che è all'esterno a due passi dall'oceano. Nutrire il corpo, nutrendo la mente! Special thanks @praiaverdeboutiquehotel . . . . . . . . . . . . . #travelswap #streetleaks #ourstreets #acolorstory #bestplacetogo  #travelphotographer #welltravelled #moodygrams #lifeofadventure #mytinyatlas #popsofcolor #citybreak #breakfastwithaview #beautifuldestinations #naturelovers #algarve #portugal #portugal_lovers #portugal_places #designlovers #designinterior #foodphotography #portugal_em_fotos #algarvelovers #amar_portugal #super_portugal

A post shared by Barbara Perrone (@tangibiliemozioni) on

dsc_0310 dsc_0300

In attesa di poter ripartire per questa destinazione in tutta sicurezza, vi aspetto per un viaggio virtuale il 1°maggio alle ore 16, in diretta con Liliana Navarra all’interno delle dirette live su facebook, per farvi scoprire un Portogallo tra design e coccole di stile. E oggi parleremo proprio di Algarve!

Per rivedere le dirette precedenti:

Centro del PortogalloBrand Portoghesi che si aprono al mondo dell’ospitalità

 Lisbona – Ritorneremo a viaggiare. Le novità lungo il Tago da mettere in agenda

AlentejoL’ospitalità dell’elegante semplicità alentejana

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *