Anteprima al Taste of Milano, quattro piatti da gustare!

Le giornate che si allungano, il cielo sempre più azzurro, la voglia di chiacchiere e di stare insieme con un bicchiere di vino in mano, accompagnandolo ad un piatto fatto di ricerca, gusto ed equilibrio. Tutto questo fa subito voglia d’estate!

Cresce la voglia di convivialità, ma anche di conoscenza vera attorno al cibo e di coloro, che come artisti contemporanei dei fornelli lo sanno valorizzare e trasformare. Le attese e le aspettative a Milano si concretizzano in una manifestazione unica nel suo genere con Taste of Milano.

Dal 3 al 7 Giugno via Tortona 27, presso Superstudio Più, si trasformerà nel più grande ristorante al mondo con 200 piatti in menù presentati da 50 chef che si alterneranno nelle loro postazioni durante i 5 giorni della manifestazione. L’alta cucina incontrerà il grande pubblico, attraverso i 4 piatti che ogni chef presenterà per l’occasione e con attività di showcooking, workshops e incontri a tema attorno al mondo del cibo.

Non c’è uomo che non mangi e non beva; pochi, però, sono quelli che apprezzano il buon sapore.
 – Chan Chung-Yung –

Nell’attesa dell’apertura porte, ritorna come lo scorso anno la mia iniziativa #infiltrataspeciale, che ci porterà ad esplorare, curiosare, intervistare in anteprima tre chef che parteciperanno al Taste of Milano, e a gustare le loro proposte create ad hoc per la manifestazione.

Il primo degli appuntamenti è iniziato con lo chef Michele Mauri, del ristorante La Piazzetta ad Origgio, dove abbiamo avuto modo di provare i quattro piatti in menù per Taste of Milano.

Tartare di Fassona, mousse di Zola e cialda di amaranto

DSC_0011-1

Mezzi paccheri -pastificio Gentile – con amaranto, gamberi rossi e fonduta di burrata

DSC_0015-1

Pasta alla Norma a modo mio

DSC_0014-1

Cannoli al contrario

DSC_0020-1

Piatti semplici che seguono la stagionalità e l’importanza della materia prima. Lui che dalla cattedra come docente, al dietro le quinte di un ristorante crede fermamente nell’importanza del saper comunicare sia attraverso l’immagine che attraverso la sostanza, stupisce, affascina e convince per la sincerità. I piatti sono un’esplosione di gusto e colore, come quello del suo amato Sud Africa. Per la prima volta presente al Taste of Milano, sarà per lui e la sua brigata una grande sfida, forse al pari di quella lanciata quattro anni fa, quando decise di aprire il suo ristorante non su una piazza importante come potrebbe essere Milano, ma su una più defilata. Perchè questa scelta apparentemente azzardata? Perchè chi va da lui o chi ci andrà, non arriverà per caso. La scelta del luogo e dello chef, saranno frutto di una ricerca e di una volontà di provare la sua cucina.

DSC_0003-1

All’arrivo, se non è in cucina, potrebbe accogliervi al vostro ingresso. Il suo viso pulito e sorriso solare danno il benvenuto, basteranno due chiacchiere per capire il sacro fuoco con il quale firma i suoi piatti. Monzese di origine ma con un soul tutto mediterraneo, aperto e generoso, schietto e sincero ma con l’equilibrio e il garbo di chi si destreggia tra i fornelli con passione e piacere dell’accoglienza. Qui il far stare bene è un vero obiettivo. Si inizia con una carta menù che cambia ogni mese e mezzo, seguendo la stagionalità; si passa attraverso le coccole di stile come l’aperitivo, il benvenuto dello chef, il pre dessert e un paniere di pane da lasciare stupefatti che farebbero si, parte del costo del coperto, ma che Michele Mauri ha deciso di non far pagare. Ebbene si. In menù accanto alla voce coperto c’è questo simbolo ” -“

E se la serata è ancora lunga per voi e avete necessità di rifrescarvi, fate un salto nella toilette. Lavette personalizzate e spazzolini monouso vi attendono. Per me è davvero un luogo da tangibili emozioni e da soulsharing. Impossibile non raccontarlo e non condividerlo.

Share & enjoy,

Barbara

—–

Gli incontri e le interviste da #infiltrataspeciale dello scorso anno:

Roberto Okabe – Secret Garden

Andrea Provenzani – Il Liberty

Matteo Torretta – Asola

 

 

 

 

 

 

 

2 Comments:

  1. Che avventure golose,cara Barbara! I piatti dello chef Mauri sono spettacolari, avrò cura di condividere questo ottimo ristorante con amici ed amiche! Della buona tavola non ci si stanca mai! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *