#italiagrandtour . Itinerario di viaggio per riscoprire l’Italia

castelluccio-1

Era fine del ‘700 quando lo scrittore Goethe e l’alta aristocrazia europea fecero nascere la moda del Grand Tour dove la meta d’elezione era un viaggio in Italia, della durata di almeno un anno per conoscere la storia e la cultura del nostro belpaese.

Qualche secolo dopo, la storia del viaggio e del turismo è cambiata. Tutto è diventato più veloce, più accessibile, portando le destinazioni, possibilmente  d’oltralpe e d’oltreoceano, ad essere spesso solo luoghi da spuntare nella propria lista, culminando nella storia contemporanea digitale con la ricerca di luoghi solo per la loro “instagrammabilità”.

Poi è arrivata la pandemia mondiale, la paura, la limitazione di movimento e quindi la ricerca di nuovi equilibri per disegnare il domani.

Alla luce di queste riflessioni io e Davide Tiezzi a Giugno 2020, abbiamo deciso dopo il successo dei nostri precedenti progetti di viaggio, attraverso le oltre 43 nazioni visitate e vissute nel mondo, di portare il nostro contributo a supporto di un’Italia da scoprire o riscoprire da nuovi punti di vista con un on the road tutto italiano.

Rileggendo così un grande classico come Viaggio in Italia di Goethe, ancora in periodo di lockdown, abbiamo disegnato, immaginato ma soprattutto studiato il nostro personale #italiagrandtour in versione contemporanea e ovviamente digitale.

italiagrandtour

Il 19 Giugno ha preso il via questo progetto per la fase di andata, partendo dalla città di Torino, scelta  anche come simbolo in quanto prima capitale d’Italia giungendo il 12 Luglio nella città di Galatina nel cuore del Salento, dopo diverse tappe tra città, piccoli borghi, patrimoni Unesco, storie di eccellenze enogastronomiche e di grande saper fare imprenditoriale e umano.

Come è nata questa idea di viaggio itinerante

e circolare in Italia

A causa dell’emergenza Covid-19 abbiamo dovuto rinunciare a diversi viaggi internazionali già programmati, tuttavia durante il lockdown abbiamo sentito la necessità di raccontare il bel paese, secondo il nostro stile e punto di vista.

Volevamo dare un segnale di positività, insegnando a vedere il bello che ci circonda. Viaggiando tanto soprattutto a livello internazionale, in questi anni abbiamo compreso che a rendere una destinazione attraente per il viaggiatore non è solo l’interesse storico culturale, ma anche le modalità con cui questi posti sono raccontati e dalla facilità con la quale si aprono alla condivisione.

Il fattore umano e la capacità di far vivere vere e proprie esperienze locali, ma soprattutto di sapersi raccontare saranno a nostro avviso le chiavi per attrarre il viaggiatore futuro.

Le destinazioni scelte

L’idea dietro questo progetto di viaggio è stata quello di far scoprire luoghi insoliti, storie di persone che possano essere d’ispirazione soprattutto in un momento come questo.

Le oltre 20 tappe sono state scelte perché ognuna di esse aveva uno o più elementi di interesse in linea con il nostro modo di essere viaggiatori e narratori.

View this post on Instagram

Non limitarti a guardare una cosa, e da un solo punto di vista: volgiti anche ad altre e osservale bene – Marco Aurelio . Torino non è una nuova destinazione per me, tutt'altro. Anzi è una frequentazione così fitta da sentire questa città come una parte di casa. Iniziare da questa città #italiagrandtour sembrava quasi un azzardo, perché temevo all'idea di non riuscire a trovare nuovi spunti da wow factor capaci di entusiasmarmi per poi essere condivisi con altrettanto slancio. E' bastato sbagliare una strada che ben si mimetizzava tra i chilometri di portici, per comprendere che anche la Mole, che ti guida come un faro nella città e alla cui vista ci si abitua come una presenza sicura di famiglia, può darti un nuovo sussulto emozionale. Chissa' cosa avrebbe portato con sé Goethe se nel suo Viaggio in Italia si fosse fermato a Torino . Un grazie speciale @turismotorino @incomingexperience @silvialanzatt . . . . . . . #Torino #torinoèlamiacittà #lamiatorino #torinoacieloaperto #torinodascoprire #loves_madeinitaly #italiaonthego #travelgram #wanderlust #italian_places #seetoshare #travelphotography #italiainunoscatto #streetphotography #beautifuldestinations #places_wow  #italian_places #tv_travel #browsingitaly #liveauthentic #ilikeitaly #aroundus #best_italiansites #italy365

A post shared by Barbara Perrone (@tangibiliemozioni) on

Siamo partiti da Torino come prima capitale con un focus tra botteghe storiche e imprenditorialità; è seguita Reggio Emilia, città dove è nato il tricolore, dove si respira in modo deciso il senso di appartenenza e accoglienza; poi è stata la volta di Urbino come città Unesco e per un focus sui 500 anni della scomparsa di Raffaello; abbiamo proseguito con Acqualagna città del tartufo bianco e l’incontro con il maestro tartufaio Giorgio Remedia. Continuando nelle Marche abbiamo scoperto il misterioso e affascinante mondo delle grotte di Frasassi e l’ingegno umano con il Tempio del Valadier costruito in una grotta, chiudendo la scoperta della regione con un’altra città Unesco come Fabriano. In Umbria tappa d’obbligo è stata Norcia per vedere con i nostri occhi lo stato dei fatti a quattro anni dal sisma, contribuendo a tener viva l’attenzione su questi luoghi dove le grandi ferite non scalfiscono la bellezza.

urbino-paesaggio

castelgandolfo

In questa regione poi il cuore si è aperto alla maestosa magnificenza della Piana di Castelluccio. Dalla verdeggiante Umbria abbiamo fatto sosta a Roma, città eterna anch’essa città Unesco e per viverla attraverso due esperienze insolite una in stile “early birds” quindi scoprendo i grandi classici con la luce e l’atmosfera delle 7 di mattina e l’altra al tramonto in bicicletta sullo stile la Dolce Vita, con aperitivo sul colle Aventino. Tuttavia, il Lazio non è solo Roma, quindi siamo andati ad includere anche i bellissimi borghi circostanti che meritano molta più attenzione come Castel Gandolfo con il suo lago vulcanico, Artena la città pedonale più grande d’Europa dove la raccolta differenziata viene fatta a dorso di mulo, Trevi nel Lazio con il suo borgo punteggiato da poesie itineranti e installazioni d’arte, Subiaco il suo Monastero di San Benedetto del 1461.

castellabate-costa

castellabate-paesaggio

In Campania sosta d’elezione è stato il Cilento con il suo paesaggio Unesco e borgo di Castellabate, entrato nella storia cinematografica per essere stato set di Benvenuti al Sud, ma anche per il lavoro di recupero architettonico e culturale di Palazzo Gentilcore. Penultima tappa nell’infinito paesaggio color oro dell’alta Basilicata con Forenza e il borgo Masserie del Falco per arrivare come destinazione finale durante il viaggio di andata, in Salento.

 

Le scoperte da mettere in agenda interessanti per un viaggiatore contemporaneo

 

Nell’ on the road tra gli oltre 5000 km percorsi e 8 regioni italiane tante sono state le belle scoperte e che meritano di essere raccontate e saranno approfondite con articoli dedicati. Tuttavia, giusto per stuzzicare la curiosità ho scelto un posto per ogni regione che ogni Goethe contemporaneo non dovrebbe mancare di conoscere. A Torino tra passato e presente merita una sosta lo storico Caffè Elena, dove tra queste mura è stata definita la ricetta dello storico vermouth Carpano. A Reggio Emilia non bisogna mancare una passeggiata in via Roma, che a dispetto del nome non è la via principale, per comprendere come è possibile creare nuova bellezza. Spazi come Re.Factory ne sono un esempio. A Urbino l’ingresso a Palazzo Ducale e la salita su uno dei torricini per ammirare il panorama del Montefeltro; a Scheggino per scoprire un borgo umbro che sembra uscito dal presepe, ma anche per sapere di più sul mondo dei tartufi. A Roma un aperitivo al tramonto sul colle aventino con bici vintage; a Castellabate il doppio affaccio tra terra, dalla terrazza di Palazzo Gentilcore, e mare dalla piazzetta con un affaccio unico sul golfo.

View this post on Instagram

Italia Grand Tour. Basilicata, dintorni di Forenza. La bellezza spesso è molto semplice. Un cielo che più azzurro non si può e il giallo dei campi. Chilometri lenti, fermandosi ad ogni curva per una nuova prospettiva sulle colline. Vento e frinire di cicale, luce calda, sole. E anche qui, per #italiagrandtour ospitalità ed esperienze da ricordare grazie a @masseriedelfalco tra visite in azienda come piace a noi, piccoli corsi di pasta fatta in casa (eh, Barbara?), piacevolissime chiacchiere su cibo e vino, la meravigliosa cucina di @marco.necchi.chef ! @tangibiliemozioni ☆ #Basilicata #yellow #liveauthentic #ig_basilicata #grano #venosa #campidigrano #basilicatacoasttocoast #agricoltura #naturephotography #photographer #nikon #landscape #country #warmlight #ontheroad #countrylife #trekking #esperienze #amazinglandscape #slowtravel #experience #tramonto #igersbasilicata #memories #bluesky #clouds #cloudporn #nuvole

A post shared by Davide Tiezzi (@davidetiezzi) on

Nel cuore della Basilicata il paesaggio dorato dei campi coltivati a cereali attorno a Forenza lascia senza fiato, infine Galatina città natale del pasticciotto, dove è possibile non solo gustarlo nella versione classica, ma anche nella versione storica (tipicciotto) con le farine in uso nel ‘700 -‘800 e fare anche un workshop con il maestro pasticciere Luigi Derniolo all’interno della centralissima Pasticceria Eros.

 

Come lasciarsi ispirare dal progetto di viaggio #italiagrandtour

View this post on Instagram

Italia Grand Tour. Genga, Marche. Nella stessa gola delle grotte di Frasassi, si apre un'altra cavità e all'interno, un sorprendente tempio a pianta ottagonale. Progetto di Giuseppe Valadier, è stato rifugio per credenti, perfetto nascondiglio fisico e spirituale. Fatto costruire dal papa Leone XII nel 1828, è oggi luogo suggestivo dopo le meraviglie naturali delle grotte di Frasassi e aggiunge al territorio di Genga un'attrattiva storica e architettonica davvero particolare. Un grazie speciale a @marchetourism @mcsalvanelli_press @grottedifrasassi @tangibiliemozioni #italiagrandtour #grottedifrasassi #frasassi #liveauthentic #ig_marche #ripartiamo #marchetourism #marche #genga #speleologia #naturephotography #photographer #nikon #classic #grotte #warmlight #ontheroad #caves #trekking #esperienze #regionemarche #slowtravel #experience #tramonto #architecure #archi_lovers #architettura #tempiodelvaladier #discover #archilovers

A post shared by Davide Tiezzi (@davidetiezzi) on

Per scoprire le meraviglie della nostra Italia e lasciarsi ispirare dalle tappe di #italiagrandtour ed interagire con noi, basta seguirci attraverso i nostri account instagram tra post e igstories su @tangibiliemozioni e @davidetiezzi. Seguiranno qui sul blog degli articoli con veri e propri itinerari, interviste ed approfondimenti su queste tappe di viaggio, alle quali chi vorrà potrà non solo ispirarsi ma replicare in autonomia.

Share & enjoy,

Barbara

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *