Tata-o. In Valle Imagna il benessere ha trovato casa

Il mistero genera meraviglia e la meraviglia è alla base del desiderio dell’uomo di capire.

Neil Armstrong

DSC_0004

Quando si incontrano persone straordinarie, quando si vedono luoghi dall’incredibile bellezza, capita di pensare che forse mai più potrai essere avvolto e travolto da una tempesta di tanta meraviglia. Invece gli eventi e gli incontri continuano a regalarti stupore e spunti continui.

Capita così che mentre si è alla ricerca di un’idea regalo, per dei giovani neo genitori, magari bella ed originale, che possa aiutare la coppia in questa nuova avventura di vita, ci si imbatte in Tata-O, un family resort spa e non solo. Mai comprare a scatola chiusa, e visto che siamo a due passi è sempre meglio testare e provare. A poco più di un’ora da Milano, dopo essersi lasciati alle spalle l’uscita di Dalmine, il ritmo rallenta. Cambia il paesaggio e ci si addentra in meravigliosi piccoli borghi, giungendo a Gromlongo di Palazzago, dove si presenta tangibile questa idea.

Tata-O non è solo un resort con spa, con una particolare attenzione per i più piccoli, ma è anche il sogno diventato realtà di Daria Transuto. Lei insieme al suo team ha trasformato la sua personale passione per l’acqua, gli spunti appresi attorno al mondo in qualcosa di reale e decisamente ricco di coccole di stile, immerso in un piccolissimo borgo della bergamasca. Non chiedete a Daria cosa significhi il nome, perchè in realtà non ha un vero e proprio significato, ma quest’unione di lettere sono state scelte per il suono che producono. Parallelismi per caso? Esattamente come l’origine della corrente artistica, il termine dadaismo nacque senza un senso preciso, ma poi a voler trovare una relazione in italiano e francese costituisce una delle prime parole che i bambini pronunciano, e con la quale essi indicano tutto: dal giocattolo alle persone.

 

Dal nome all’architettura, ci si trova così in una nuova struttura circondata dalle prealpi Orobiche, punteggiata attorno da antichi casali e vigneti, ricordando a tratti il paesaggio toscano. L’elemento dell’acqua è quello prevalente, con svariate piscine coperte e riscaldate che in abbinamento alle diverse aree di sauna, bagno turco, stanza del sale dell’Himalaya, sale relax e solarium esterno, rendono il luogo perfetto per rigenerarsi. Non bisogna pensare davvero a nulla, perchè il dettaglio di stile si vede nei particolari: all’ingresso infatti viene consegnata una comoda bag con all’interno un accappatoio e un telo doccia.

 

Dal mondo del benessere degli adulti a quello dei più piccoli, il passo è breve. Qui infatti in alcune fasce orarie si abbassa la temperatura delle aree umide e secche come la sauna e il bagno turco, in modo da consentire ai più piccoli di poter accedere e con loro anche i genitori. Questo dettaglio è solo un inizio a tutto questo mondo all’interno del quale si trova una piscina regolabile in profondità, in modo tale che i bambini possano sempre toccare, dei bagni a misura di bambino, delle aree gioco d’ispirazione scandinava dove l’iper colorazione troppo spesso utilizzata, lascia spazio ai toni neutri delle pareti e ai materiali naturali che permettono ai piccoli l’esplosione della loro creatività.

Trascorrendo del tempo qui, viene in mente che a due neo genitori si potrebbero regalare anche un corso di massaggi per piccolissimi, rituali sensoriali e corsi acquatici, insomma piccoli teambulding familiari che portano al benessere personale e sviluppano la comunicazione parenterale.

Un luogo, molte idee e tante coccole. Missione compiuta, regalo trovato! A questo punto non rimane che godersi il tramonto dalla bella piscina Oceano, con grandi vetrate che si affacciano sugli esterni verdeggianti, concedersi una cena nel nuovo ristorante Ravecca capitanato dalla chef Tiziana e fermarsi qui per essere viziati al risveglio con una colazione in camera.

Share & enjoy,

Barbara

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *